Camminando per le strade storiche di Istanbul

Ora, cerchiamo di  conoscere Istanbul ed iniziamo il nostro viaggio dalla penisola storica.

Istanbul è l’unica città al mondo situata tra due continenti. La città si trova all’estremità meridionale del Bosforo, il più bello di tutti gli stretti, come scrisse l’esperto di opere antiche, francese Peter Gylius. Lo stretto che scorre da nord a sud, dal Mar Nero al Mar di Marmara è lungo 32 chilometri. Il Bosforo, vicino all’estremità meridionale del Bosforo, si unisce al Corno d’Oro e questi insieme si uniscono e scorrono verso il Mar di Marmara e formano una corona d’acqua, come viene chiamata dallo storico bizantino Prokopis , circola intorno alla città.

La parte più antica della città, conosciuta come Istanbul, si trova sul lato europeo del Bosforo ed è a forma di triangolo di una penisola con sette colline. La prima delle sette colline menzionate da Gylius nelle sue memorie è una punta chiamata Sarayburnu sul triangolo dove il Corno d’Oro si interseca con il Bosforo, e questo naso è chiamato Sarayburnu in onore del Palazzo Topkapı, dove i Sultani Ottomani occuparono la loro sommità piana. Questo è dove Megaralı Bisanzio e i suoi compagni si stabilirono nel 660 A.C. e fondarono la città greca chiamata Bisanzio. Da questa collina si può vedere il Ponte del Bosforo e il Corno d’Oro. I giardini del palazzo, che un tempo erano i giardini del Palazzo Topkapı, sono ora parchi pubblici. Quando si scende da qui, la stazione ferroviaria sul lato sinistro della strada è l’ultima stazione ferroviaria costruita nel 1890 per l’Orient Express. La strada continua fino al molo del traghetto che va da qui a diversi distretti come Üsküdar, Beşiktaş, Kadıköy, Harem sul lato asiatico del Bosforo.

Ci stiamo avvicinando al Ponte Galata che collega il distretto di Eminonu al distretto di Galata via Corno d’Oro. La grande moschea, conosciuta come la Yeni Moschea, domina Eminönü. Questa magnifica moschea fu costruita nel 1663 da Turhan Hatice Sultan la madre di Mehmet IV. Nel sud della moschea, la struttura a forma di “L” opposta è il Bazar Egiziano costruito per dare reddito alla Yeni Moschea. Il quartiere, dove si trova la Yeni Moschea, è stato un insediamento ebraico per secoli. Gli Ebrei che vivevano qui, sono stati mandati al quartiere Balat tre chilometri più avanti sul Corno d’Oro, per fare spazio per la costruzione della moschea.

Dopo aver attraversato il Bazar Egiziano ed essere usciti dalla porta occidentale, 200 metri più avanti, raggiungiamo la Moschea Rüstem Pasha. La moschea fu costruita nel 1561 per volere del Gran Visir di Solimano il magnifico, Rustem Pasha, marito di Mihrimah, unica figlia del Sultano.

La pianta della moschea ha la forma di ottagonale posta su un rettangolo. Le pareti interne della Moschea Rustem Pasha sono quasi completamente coperte con 15.000 piastrelle di Iznik. Come tutte le più belle piastrelle turche, quelle di Rüstem Pasha Mosque sono state portate da Iznik, il cui nome precedente era Nicea dove fu tenuto il primo concilio ecumenico nel 325. Queste meravigliose piastrelle che coprono non solo i muri della moschea, ma anche le sue colonne, mihrab e minbar, rendono la Moschea Rustem Pasha una delle più belle moschee della città.

Tornando alla nuova moschea, siamo ora sulla strada tra Yeni Moschea e Bazaar Egiziano. Nel giardino dl fronte al Bazaar delle Spezie, c’è un Mercato di Fiori, che è un mercato popolare che si specializza in piante, fiori, materiali da giardinaggio, animali domestici ed uccelli. Alla fine della strada, il grande edificio a cupola sulla destra è il mausoleo della Yeni Moschea. Nel mausoleo sono sepolti Turhan Hatice, madre del Sultano VI. Mehmet (1640-48), II. Mustafa (1695-1703), III. Ahmet (1703-30), I. Mahmut (1730-54), II. Osman (1618) e V. Murat (1876).

C’è un piccolo edificio poligonale all’angolo del muro che circonda il giardino della Moschea, di fronte alla tomba. Questa è la casa e il posto di lavoro dell’astronomo della Moschea chiamato “müneccim”. L’astrologo regola gli orari delle 5 preghiere, che viene letto (ezan) cinque volte al giorno, e calcola quando il sole sorge e tramonta durante il Ramadan.

Vicino all’angolo, c’è un distributore d’acqua (sebil) del complesso di Yeni Moschea. Così come è oggi, i funzionari del sebil attraverso le finestre della griglia distribuivano l’acqua alla gente assetata che passava.

Famoso confettiere Hacı Bekir, fondato nel 1777, oggi è il più antico confettiere di Istanbul. Hacı Bekir era capo confettiere di I. Abdulhamit e per la prima volta ha prodotto il dolcetto chiamato “lokum” che è stato venduto in questo negozio.

Proprio accanto all’edificio di Confettiere Haci Bekir si trova una costruzione in mattone-pietra a due piani, che è la vecchia Camera di Commerciale Ottomano. L’edificio, che copre completamente il lato opposto di questa strada, costruito nel 1926 che era la fondazione ottomana, oggi è un hotel a 4 stelle. Quando saliamo sulla collina a destra, passiamo il grande Palazzo Provinciale, e veniamo al Hamam di Cagaloglu, uno dei bagni turchi più belli.

Hammam di Cagaloglu è stato costruito in 1741 per I. Mahmut ed è servito come un bagno di continuo da allora. Una volta c’era un bagno storico ottomano in quasi tutti i quartieri di Istanbul. Perché la maggior parte della gente povera della città non aveva il bagno nelle loro case, ed era necessario andare a un bagno una volta alla settimana per pulire a fondo il corpo  per le preghiere del venerdì.

Le terme turche sono le eredi dirette delle antiche terme romane e sono costruite secondo la stessa pianimetria generale. Ogni bagno ottomano è composto da due parti, la sezione maschile e la sezione femminile e ciascuna parte è composta da tre parti: soğukluk (frigidarium), ılıklık (tepidarium) e sıcaklık (calidarium).

Frigidarium (soğukluk) è utilizzato come sala d’attesa e spogliatoio. Questa è una stanza rettangolare con una piccola fontana al centro, per lo più ricoperta di una cupola. Ci sono cabine sulle pareti dove i vestiti sono lasciati. Poi andiamo a tepidarium (ılıklık). Questo è un passaggio a media temperatura che contiene aria fredda da un lato e aria calda all’altro ed i servizi  si trovano qui. Infine, entriamo nella sala sıcaklık che i Romani chiamano il calidarium. Al centro di questa sala ottogonale, c’è una grande piattaforma in marmo, riscaldata dal basso, dove i clienti si sdraiano, sudano e fanno un massaggio.

Quando giriamo a sinistra e giù a 150 metri dal primo incrocio dopo il bagno, c’è un grande portale decorato con due eleganti fontane barocche in un angolo fatto con uno stile turco rocòcò. Questa è la Sublime Porta, dove si trovano le sale di studio del Grand Visir e gli ambasciatori stranieri presentavano la lettera di fiducia. Con la proclamazione della Repubblica, la Sublim Porta é stata utilizzata come Palazzo Provinciale.

Da qui, quando seguiamo le pareti esterne del Palazzo Topkapi e camminiamo fino al Parco Gülhane, a destra della linea di tram vedremo la Moschea di Sultana Zeynep, una piccola moschea barocca fatta costruire da III. Ahmet nel 1769 in nome della figlia Zeynep Sultana. Mehmet Tahir Ağa, il più grande architetto barocco turco, ha realizzato la progettazione e la costruzione della moschea. La moschea è un bellissimo e unico esempio dell’architettura barocca turca. Si compone di una piccola stanza quadrata coperta da una cupola. La moschea è costruita con mattoni e pietra ed assomiglia ad una chiesa bizantina perché ha una cupola di stile bizantino. C’è una scuola elementare ed un cimitero all’angolo della strada inferiore della moschea.

Di fronte alla diagonale della Moschea di Sultana Zeynep, vediamo case ottomane in legno, che erano abbandonate per molto tempo fino alla metà degli anni ’80 e che sono state restaurate dal Touring Club turco. Qui si trovano una decina di case ottomane ottocentesche in legno, appoggiate sul muro del Palazzo Topkapi. Queste case sono state restaurate in due anni e trasformate in albergo.

Ma in quegli anni, durante uno scavo archeologico in fondo alla strada, gli archeologi hanno trovato una cisterna bizantina sostenuta da 6 colonne marmoree che risale al tardo periodo romano. Questa cisterna è attualmente un ristorante di lusso gestito da Turing Club Turco. Quando giriamo da questa strada verso Ayasofya, veniamo alla Caferaga Madrasa, che si trova alla fine di una strada nascosta. Questa madrasa è stata costruita dall’architetto Sinan per Cafer Ağa, l’eunico dell’harem. Questa madrasa è composta da una cucina, un bagno, un cortile e 16 aule per gli studenti allineate intorno a questo cortile. La Madrasa attualmente funge da Bazar dove vengono prodotti e venduti prodotti artigianali Ottomani.

COMMENTI RECENTI

Se siete interessati a fare una visita guidata con noi o per ulteriori informazioni, vi preghiamo di contattarci via mail o di lasciare un commento qui sotto.

Per avere una guida italiana a Istanbul potete contattarci 7/24 anche via WhatsApp: 00. 90. 533 550 32 06 
Email: info@scopristanbul.com

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Menu